Una scuola di pensiero e scrittura rivolta a 10 neodiplomati romani che prevede tre giornate di lavoro che si svolgeranno il 27, 28 e 29 settembre ad ÀP nell’ambito della settima edizione del festival di daSud “Restart” e con tre docenti d’eccezione: Nadia Terranova, Lorenzo Gasparrini e Giacomo Bendotti. Iscrizioni entro il 17 luglio

WhatsApp Image 2021-06-23 at 17.48.21Roma, 23 giugno 2021 – Sono aperte le iscrizioni per l’Officina Lara Facondi, scuola di pensiero e di scrittura che si propone di fornire a dieci ragazze e ragazzi neodiplomati romani spazio e tempo per riflettere sulla violenza della lingua e sulla delicatezza dell’ascolto attraverso un percorso di formazione a un uso consapevole delle parole e della scrittura. Il progetto prevede tre giornate di lavoro che si svolgeranno il 27, 28 e 29 settembre ad ÀP nell’ambito della settima edizione del festival di daSud “Restart”. Le lezioni, teoriche e pratiche, saranno tenute da tre docenti d’eccezione: Nadia Terranova, scrittrice finalista del Premio Strega 2019, Lorenzo Gasparrini, filosofo antisessista e dottore di ricerca in Estetica, e Giacomo Bendotti, sceneggiatore. Il bando è consultabile online sul sito: www.apaccademia.it/officina-lara-facondi e le iscrizioni sono aperte dal 31 maggio al 17 luglio.

L’Officina, presentata lo scorso sabato 22 maggio nel corso dell’inaugurazione del Fondo Lara Facondi, è dedicata alla giornalista, attivista e compagna di viaggio dell’associazione daSud e di AP scomparsa prematuramente a gennaio 2021.
Nel 2018 la malattia sotto forma di un cancro è entrata nella vita di Lara costringendola a misurarsi con l’immagine della malata nella quale però non si riconosceva. Scriveva nel suo articolo Di cancro, guerrieri e mostri da combattere: “L’ironia è invece l’elemento che spesso manca nella narrazione del cancro. Se ne parla, quando se ne parla, spesso a voce bassa, con tono cupo. Si raffigura con uomini e donne senza capelli, il volto emaciato e gli occhi spenti, quasi sempre in un letto d’ospedale. Per carità c’è anche quello, ma sbagliato ridurre tutto a ciò che è una fase”.

Non è solo la malattia a porci di fronte alla necessità di guardare oltre lo stereotipo. Basti guardare al modo in cui i media o la politica affrontano temi come l’immigrazione, il sociale, la povertà, la sessualità, l’antimafia. Lara sapeva benissimo che tutto si giocava nella lingua e nel modo in cui ci si rappresenta. Non sempre però si hanno gli strumenti necessari per leggere le situazioni in maniera diversa da quella stereotipata, ecco perché di un’officina in cui dare spazio e soprattutto tempo alla riflessione su se stessi, sullo stereotipo in cui si è relegati e provare a imparare a servirsi del linguaggio. Usare parole chiare ma non definitive. Trovare il termine preciso, ma non rimanere incastrati nella gabbia della precisione che esclude tutte le altre sfumature. Riflettere sulla violenza della lingua e sulla delicatezza dell’ascolto. Sono questi i ferri del mestiere che accompagneranno gli allievi con l’obiettivo di provare almeno per qualche giorno a immaginarsi come si è davvero.