Sto caricando la mappa ....

Un’opera multidisciplinare, dove il suono della musica elettronica accompagna gli antichi versi virgiliani con il compito di evocare immagini e suggestioni. In scena nell’ambito della prima edizione del festival di daSud e Compagnia Ragli, intitolato al giornalista e attivista, vittima di mafia, Mauro Rostagno, lo spettacolo è riservato alle scuole

Data / Ora
Data - 17/11/2021
11:40 - 13:20

Luogo
ÀP - Istituto Enzo Ferrari di Roma

Categorie


ENEIDE. A SOUND FILM 

Ispirato al libro XI dell’Eneide

Eneide.brochure

Un progetto di 
Titta Ceccano | Francesco Altilio
Collaborazione tecnica
Mirjana Nardelli
Regia
Julia Borretti
Nato con il sostegno del Museo Archeologico di Priverno e del Festival Radure 2021_Spazi Culturali lungo la Via Francigena

“Eneide. A sound film” è la nuova produzione di Matutateatro, uno spettacolo di teatro e musica elettronica, ispirato all’Eneide virgiliana.

Si tratta di un’opera multidisciplinare, dove il suono della musica elettronica accompagna gli antichi versi virgiliani con il compito di evocare immagini e suggestioni.

Prendendo spunto dall’arte musicale acusmatica e dal desiderio di riprendere contatto con l’affascinante mondo dei suoni, nello spettacolo le immagini del testo antico sono evocate soltanto dalla musica elettronica live e dalla parola detta in scena che espande la potenza del testo virgiliano nella contemporaneità.

È uno spettacolo in cui il suono e il testo procedono all’unisono. Il suono espande il testo creandogli contesto e spazio e dando vita a un’esperienza immersiva per il pubblico.

L’idea da cui prende le mosse il progetto è che l’epica sia il cinema prima del cinema. Tutti i grandi poemi classici sono pieni di campi e controcampi, campi lunghi, visioni dall’alto che con un dolly scendono nel bel mezzo della battaglia, dettagli e primi piani degli eroi, suoni diegetici e ritmi della narrazione.

“Eneide. A sound film” vuole tirare fuori le immagini del testo antico con il solo ausilio della parola detta e del suono: seguire i cambi di campo, di piano, il fluire del racconto soltanto grazie all’uso della voce e della musica elettronica, che ridisegna gli spazi e ridefinisce i ritmi, ampliando tutta la potenza di un racconto antico, in una contaminazione di metodi creativi, forme, spazi, immagini e testi appartenenti a linguaggi e culture differenti.

__________________________________________

Spettacolo riservato alle scuole
Per info e prenotazioni classi: info@apaccademia.it