Ai funerali scandalo di Vittorio Casamonica l’Associazione risponde con #Restart Festival, in programma dal 22 al 27 settembre, e chiama a raccolta associazioni, comitati, istituzioni e liberi cittadini per mettere in campo idee e proposte in chiave antimafia

restart-roma (1)

Roma, 1 settembre 2015 – “Roma ha bisogno di fare #Restart per costruire una città dei diritti in risposta alla Capitale delle mafie”. È l’appello dell’Associazione antimafie daSud che a seguito dei funerali scandalo di Vittorio Casamonica chiama a raccolta associazioni, comitati, istituzioni e liberi cittadini per avviare una discussione seria e partecipata sul tema delle mafie, per mettere in campo idee e proposte.

L’occasione è data da #Restart, il primo festival della creatività antimafia e dei diritti che si svolgerà, in occasione dei dieci anni di daSud, dal 22 al 27 settembre a Roma: una sei giorni di laboratori nelle scuole di periferia, dibattiti ed eventi dedicati al cinema, alla musica e al teatro in chiave antimafia, che si aprirà il 22 settembre, al Museo di Roma in Trastevere, con l’inaugurazione della mostra “Mc Mafia: mafia, camorra e ‘ndrangheta nella storia del fumetto” a cura di Cluster e Museo del Fumetto di Cosenza e che proseguirà il 25, 26 e 27 settembre alla Casa del Jazz, la villa che un tempo è appartenuta all’ex boss della Banda della Magliana Enrico Nicoletti e che oggi è bene confiscato alla mafia.

«Dopo l’operazione Mondo di Mezzo erano in molti a pensare che alcune cose a Roma non potessero più accadere, e invece la sfrontatezza dei clan ha dato la sua ennesima manifestazione di potere – dichiara il portavoce dell’Associazione daSud, Danilo Chirico – gli scandalosi funerali da Padrino del boss Vittorio Casamonica, che si sono svolti lo scorso 20 agosto presso la Chiesa Don Bosco al Tuscolano, hanno definitivamente consegnato al mondo l’immagine di una città ostaggio delle mafie davanti a cui la società civile sana e la buona politica vuole finalmente reagire».

Rientra in quest’ottica “Restart Roma”, l’assemblea in programma per il 26 settembre, alle ore 15.00, presso la Casa del Jazz, aperta a tutte le realtà del territorio: un tavolo partecipato per costruire una città dei diritti e delle opportunità in chiave antimafia. «In questi anni di lavoro sui territori abbiamo imparato a riconoscere la ricchezza del dibattito pubblico su Roma – conclude il portavoce di daSud – e vogliamo provare a portarlo al centro del cambio di passo strategico nel contrasto alle mafie di cui questa città ha urgente bisogno». A partire da oggi e fino al 15 settembre è possibile inviare all’indirizzo mail restartroma@dasud.it idee, proposte e adesioni per partecipare e contribuire a “Restart Roma”. Da queste consultazioni, daSud estrapolerà i temi e gli argomenti più ricorrenti che saranno affrontati nel corso del tavolo partecipato.