Sono 57 giorni, 7 ore e 7 secondi che Spiazziamoli, il coordinamento di comitati che il 6 e il 7 marzo scorso aveva indetto manifestazioni in tutta Roma contro le mafie, ha chiesto ai capigruppo capitolini di tenere un’Assemblea aperta in Campidoglio , richiesta che a oggi è ancora senza risposta.

Intanto è scattata una nuova operazione “Mondo di mezzo” con 44 arresti collegati all’inchiesta scoppiata nel dicembre scorso, con l’arresto dell’ex NAR Carminati e del presidente della cooperativa «29 giugno» Salvatore Buzzi. E ancora una volta gli investigatori affermano che “nella Capitale c’era una struttura mafiosa, cerniera tra ambiti criminali ed esponenti degli ambienti politici, amministrativi ed imprenditoriali locali”. A questo punto nell’Assemblea Capitolina siedono 4 arrestati e due indagati (dal dicembre 2014) per associazione mafiosa. Un bilancio decisamente inquietante, su 48 consiglieri corrisponde al 10%.

Spiazziamoli! ancora una volta chiede alla presidente Baglio e ai capigruppo di maggioranza e opposizione di aprire le porte ai cittadini e alla società civile, per avviare una discussione pubblica sull’aggressione dei clan a Roma e sul sistema corruzione svelato dalle indagini e tutt’altro che risolto: “Le nostre idee per una città senza mafie”.