Sabato 7 marzo – in occasione di Spiazziamoli – l’Associazione daSud ha trasformato la piazza del Colosseo in un grande tavolo da gioco con “Mammamafia”, il social game in stile Monopoli che racconta i fatti di Mafia Capitale, ideato da daSud con il contributo del grapich designer Attilio Tomaselli. Spiazziamoli ha contato oltre 60 eventi in tutta la città che si sono svolti in contemporanea, il 6 e il 7 marzo, per rompere il muro di omertà e promuovere i diritti a cui hanno aderito più di 100 associazioni.  In piazza anche un tazebao di denuncia contro i clan tradotto in tutte le lingue del mondo che ha fatto scenografia a turisti e  romani che hanno voluto “mettere la faccia” per una fotografia contro le mafie e la corruzione.

ImmagineRoma.Repubblica.it/ Spiazziamoli, al Colosseo il grande “monopoli” contro “la mafia e la corruzione a Roma” –  Il “Trafficante” crea welfare, ma determina spaccio e strade meno sicure, il “Palazzinaro” è ricchissimo ma cementifica a scapito del territorio, il “Signore delle slot” riempie vuoti sociali ma crea dipendenza e ricicla denaro sporco, e poi c’è anche il cos-player “Imprenditore sociale”, chiaramente ispirato ai protagonisti di Mafia Capitale. Sono alcuni dei personaggi di “Mammamafia”, il social game di piazza allestito all’ombra del Colosseo, una delle iniziative di “Spiazziamoli”, la rassegna a cui hanno aderito oltre cento associazioni che il 6 e 7 marzo hanno organizzato 60 eventi in tutta la città in vari luoghi pubblici tra giochi, spettacoli e proteste contro la criminalità organizzata e “per rompere il muro di omertà e promuovere i diritti”..Continua a leggere    

 

Immagine

LA FOTOGALLERY DI REPUBBLICA 

 

IL VIDEO DI REPUBBLICA    


L’ARTICOLO DE L’ESPRESSO

 

Immagine

 

 IL SERVIZIO DEL TG 2

 

IL SERVIZIO DEL TG 3

 

LA FOTOGALLERY DE IL TEMPO

 

 

Immagine

IL VIDEO DEL CORRIERE DELLA SERA

 

L’ARTICOLO DEL CORRIERE SOCIALE

 

IL VIDEO DE LAPRESS

 

L’ARTICOLO DI FANPAGE

L’ARTICOLO DI OPENMAG

IL VIDEO DI CNO.WEBTV

L’ARTICOLO DI LUMSA NEWS

L’INTERVISTA DI Q CODE MAG

L’ARTICOLO DE LA FIERA DELL’EST