La visita della Ministra Valeria Fedeli all’ISS E. Ferrari di Cinecittà nell’ambito del Restart Festival di Associazione daSud. Lanciate le iniziative sul fumetto per le scuole in ricordo di Daniele Magrelli

Roma, 5 ottobre 2017 – Giovani al centro, a partire dalla scuola, per promuovere il ruolo della cultura come antidoto alla fascinazione dei clan. Risponde a questa logica “Scuola Aperta”, l’evento di Associazione daSud che, organizzato nell’ambito di Restart, il suo 3° Festival delle creatività antimafia e dei diritti, ha portato, questa mattina, la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli a incontrare gli studenti di una scuola della periferia sud-est di Roma: l’Istituto tecnico superiore “E. Ferrari” di Don Bosco a Cinecittà, dove appena un anno fa è nata ÀP, l’Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti, promossa da Associazione daSud e realizzata in collaborazione con Officina Culturale Via Libera e Cooperativa Diversamente.

“ÀP è un progetto fondamentale che – ha dichiarato a margine dell’evento la Ministra Fedeli - apre la scuola al territorio. E altrettanto fondamentale è che ad esso partecipino le famiglie e i genitori, perché non ci può essere frattura tra quello che ragazze e ragazzi sentono a scuola e a casa. Non solo le istituzioni non possono essere lontane, ma il termine periferia, che all’inizio era solo geografico, con riferimento alla distanza dal centro della città, e che oggi richiama i concetti di abbandono, difficoltà e marginalità, deve diventare centrale dal punto di vista degli investimenti pubblici, a cominciare da quelli educativi. Senza investimenti nell’educazione non si riesce a mettere a frutto nessun investimento economico”.

“In una città che sottovaluta la presenza delle organizzazioni criminali sul territorio e l’effetto che questa cosa ha sulla vita dei ragazzi e dei quartieri – ha dichiarato Danilo Chirico, portavoce di Associazione daSud -, noi stiamo praticando un processo di cambiamento, certamente difficile, che coinvolge tanti. E che per funzionare ha bisogno dell’attenzione di tutti, a partire dalle istituzioni, le stesse a cui oggi rinnoviamo il nostro appello ad affrontare il tema mafie e a far vivere questa grande ambizione che si chiama Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti”.

Sorta negli spazi sotto-utilizzati dell’Istituto “E. Ferrari”, l’Accademia oggi è una realtà che si propone di riattivare le migliori energie sociali e culturali del territorio, per contrastare la dispersione scolastica, trasformare la periferia in creative city, cambiare l’immaginario sulle mafie e l’antimafia. Una realtà che vede impegnati gli studenti del Ferrari in percorsi di educazione non formale su mafie e antimafia e nella web radio RadiodaSud a cura dell’Associazione daSud. Non solo: l’Accademia è anche una “scuola aperta” al territorio, grazie agli eventi serali dedicati al cinema, alla musica e al teatro in chiave antimafia e, ancora, un work in progress, che presto restituirà alla cittadinanza i locali della biblioteca del Ferrari, oggi in via di recupero.

Nel corso dell’evento, la Ministra, oltre ad aver visitato gli spazi della scuola, è stata ospite degli studenti di RadiodaSud. L’evento è stato anche l’occasione per lanciare le iniziative sul fumetto per le scuole dedicate al giovane fumettista, scomparso di recente, Daniele Magrelli.

L’evento è la seconda tappa del festival Restart di daSud realizzato con il contributo di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e con il sostegno del MIUR, che prosegue allo Spazio ÀP, il 6 e 7 ottobre, con lo spettacolo “Blu” sulla violenza di genere per la serie Restart Teatro, il workshop in collaborazione con il Goethe Institut Rome sulle nuove idee per cambiare la città, il Premio Restart 2017 di Associazione daSud e il “Restart Live Concert”, il concerto-evento, un unicum pensato per il festival, a cura di Andrea Satta & Tetes de Bois, con Riccardo Sinigallia, Giorgio Maria Condemi, Fabio Magnasciutti, Shay e molti altri ospiti.

Per tutti gli eventi, l’ingresso è libero. Consigliata prenotazione a: segreteria@dasud.it