Presentazione del libro
STATO D’ITALIA
Slow journalism da questi anni difficili
Foto di Emiliano Mancuso
Testi di Laura Eduati, Andrea Milluzzi,
Davide Varì, Angela Mauro

E’ ancora possibile fare giornalismo lento e di qualità? E soprattutto è possibile farlo su web?
La risposta è sì, e lo dimostra il lavoro iniziato nel 2009 da un gruppo di giovani giornalisti che ha creato il sito www.reportageitalia.it  che è anche il nome del progetto giornalistico e fotografico fondato in nome dello slow journalism. Da quell’esperienza sono tratti i migliori lavori del libro “Stato d’Italia” (Postcart ed.) che viene presentato giovedì 13 ottobre alle ore 20.30 allo Spazio daSud in via Gentile da Mogliano 168, a Roma.
Emiliano Mancuso, Laura Eduati, Angela Mauro, Andrea Milluzzi e Davide Varì hanno compiuto un viaggio lungo lʼItalia dei nostri giorni, alla ricerca di storie, cronache, voci e volti, che rappresentano un documento di questi anni difficili.
Il caporalato a Rosarno, i migranti di Lampedusa, l’inquinamento a Taranto, i preti del nordest alle prese con la Lega, la mancata ricostruzione dell’Aquila, Pollica e l’omicidio di Angelo Vassallo, il problema dell’alloggio a Roma. I reportage contenuti in “Stato D’Italia” attraversano l’Italia e le storie più emblematiche di questi anni tramite l’accurato lavoro fotografico di Emiliano Mancuso e i testi giornalisti degli altri autori.
Alla presentazione del libro, intervengono Laura Eduati, Emilino Mancuso ed Angela Mauro.

Note biografiche

Emiliano Mancuso (Roma 1971). Dal 2000 si dedica al fotogiornalismo. Ha pubblicato Made in Italy (Trolleybook ed. 2006), in occasione del centenario della CGIL e Terre di Sud (Postcart ed. 2008), uno sguardo sul Sud dʼItalia. Fa parte di Contrasto.

Laura Eduati (Castelfranco Veneto 1975)
E’ stata inviata di cronaca per il quotidiano Liberazione. Ha collaborato con il mensile Diario e la rivista letteraria Primo Amore. Co-fondatrice del sito www.reportageitalia.it. Collabora con il settimanale Gli Altri

Angela Mauro (Matera 1972)
Giornalista de’ Gli Altri, collaboratrice de’ L’Espresso, si occupa di politica, cercando un senso logico nelle cronache di palazzo. Spesso delusa, si interessa e scrive anche di movimenti sociali, dal G8 di Genova in poi. Adora Murakami Haruki, Nick Cave, la boxe e il trekking sul Pollino.